The Elder Scrolls Online: Blackwood
Recensione

Scritto da il 20 giugno 2021 15:48

The Elder Scrolls Online: Blackwood


Blackwood è un titolo che si fa amare da subito perché torna a valorizzare la narrazione, con missioni principali sul pezzo e secondarie che, tranne qualche caso, sono mirate a far meglio comprendere quel territorio tanto impervio quanto fondamentale. Flames of Ambition da questo punto di vista è stato un apripista fenomenale, perché ha anticipato alcuni dei punti di forza di Blackwood, come per esempio boss più intriganti che arrivano finalmente a coinvolgere tutto l'ambiente di gioco. Detto sinceramente, i boss troppo "statici" dei primi capitoli erano abbastanza sfiancanti. Molto intrigante, e positivo, è l'inserimento del sistema del compagni: finalmente, seguendo la traccia del gioco singleplayer, si ha un png che ci segue e che livella con noi, dandoci attivamente una mano durante il combattimento. Aldilà del fatto che possa aiutare o meno, la presenza di un png ricorrente permette di affrontare quell'esplorazione con una sensazione minore d'essere sperduti in mezzo al nulla, ovvero un pensiero ricorrente durante tutto TESO (non solo Blackwood).

Positive:
  • Blackwood offre scorci mozzafiato
  • Pieno di riferimenti a Oblivion
  • Amplia la conoscenza sui daedra e su Mehrun Dagon
  • Il nuovo sistema dei "compagni" è interessantissimo...
Negative:
  • ...Ma necessita di maggiore profondità
  • Graficamente TESO è ormai troppo arretrato
Versione analizzata: Computer
7.5
Facebook Twitter Whatsapp Telegram