Warhammer: End Times - Vermintide
Recensione

Scritto da il 14 ottobre 2016 12:57

Warhammer: End Times - Vermintide


Se cerchiamo un gioco molto crudo, basato sul muovere in prima persona un personaggio e menare la propria arma a sinistra e a destra, da unire ad una storia che effettivamente potrebbe essere anche interessante, Vermintide è quello che fa per voi. Pochissimi contenuti, ma una storia abbastanza lunga ma soprattutto molto complessa e difficile, incentivata dal poterla rigiocare a più riprese con difficoltà crescenti ed a tratti quasi proibitive. Un grado di sfida alto, ma che rende il gameplay credibile, solido ed appagante. La mappatura dei comandi nel joypad è semplice ed efficace, capace di far intuire immediatamente come muoversi nel gioco anche senza l'utilizzo del tutorial, comunque presente in fase di avvio. I cinque personaggi sono ben strutturati e ciascuno molto valido, specie perché riesce a semplificare un aspetto della missione piuttosto che un altro, creando una partita sempre diversa dalla precedente. Forse una aggiunta ai personaggi non sarebbe guastata, ma sicuramente questo sarebbe il male minore. Ad ora l'unico problema che mi sento di segnalare è quello relativo ai contenuti, che magari potrebbero essere aumentati anche per rendere più varia e duratura l'esperienza di gioco. Il multiplayer cooperativo alla lunga potrebbe stancare.

Positive:
  • Modalità campagna lunga e complessa
  • Combattimenti frenetici e senza pietà
  • Nemici vari e diversificati
  • Graficamente sublime
Negative:
  • Pochissimi contenuti
  • Qualche personaggio aggiuntivo?
Versione analizzata: PlayStation 4
7.4
Facebook Twitter Whatsapp Telegram