Hitman: Episodio 3 - Marrakesh
Recensione

Scritto da il 20 giugno 2016 10:35

Hitman: Episodio 3 - Marrakesh


L'episodio 3 di Hitman ambientato a Marrakesh ha rappresentato l'opportunità per il prodotto di IO Interactive, rilasciato da Square Enix, di mettere in evidenza tratti del prodotto che negli altri episodi, per quanto presenti, hanno sempre avuto una nota a margine. La grafica, per quanto sostanzialmente invariata, è tuttavia enfatizzata dal gran numero di personaggi non giocanti che affollano la scena, specialmente per quanto riguarda i vari mercati cittadini che da subito saremo portati a percorrere. Il filo narrativo che permette di seguire i progressi dell'agente 47 continua a rimanere fumoso, forse anche a causa della difficoltà di raccontare eventi che potrebbero accadere o meno, data la dinamicità offerta dall'impianto di gioco. Le opportunità continuano ad essere molte, anche se in misura leggermente minore rispetto agli episodi passati, e davvero molto stimolanti, tanto da spingere il giocatore a rigiocare più e più volte il singolo episodio. Esattamente come i suoi due predecessori, anche l'episodio tre garantisce ore di assoluto divertimento, mixando alla perfezione gli elementi stealth con la capacità di interazione, e di risposta, dell'intera mappa. Alcuni cali di frame occorrono specialmente in prossimità dei bazar e dei mercati, dovuti probabilmente al gran numero di npc.

Positive:
  • IA reattiva e complessa
  • Scenari graficamente eccellenti
  • Mappa molto vasta
  • "Opportunità" sempre stimolanti
Negative:
  • Alcuni cali di frame di troppo
  • Filo narrativo un po' fumoso
Versione analizzata: Computer
8.5
Facebook Twitter Whatsapp Telegram