Total War: ROME II - Rise of the Republic
Recensione

Scritto da il 12 agosto 2018 21:25

Total War: ROME II - Rise of the Republic


Rise of the Republic è una campagna molto grande, ricca di fazioni nuove e soprattutto dotata di una Italia in formato maxi, da poter apprezzare in ogni minima sfaccettatura. Interessantissimo vedere anche come Roma sia stata resa incredibilmente potente, sia grazie alle unità che può reclutare, sia grazie al bonus "Fortificazioni del CAmpidoglio" che la rende assurdamente complessa da buttare giù. Non basta attaccarla una volta e sperare nel colpo di fortuna, ma si deve dimostrare d'essere dei geni tattici, pronti non a superare una volta la linea difensiva nemica, bensì per due volte. Peccato, però, che le nuove fazioni giocabili non possano essere utilizzate nella grande campagna, la quale rimane l'elemento ovviamente più interessante poiché longevo e sempre differente. Probabilmente si dovrà attendere un culture pack per avere giocabili, anche lì, le fazioni che sono state realizzate e che, senza dubbio, si sono dimostrate valide. In definitiva Rise of The Republic è un DLC che presenta una campagna ricca e davvero ben fatta, piena di fazioni nuove e ben delineate. Resta un po' di amaro in bocca sulla scelta di non includere quelle fazioni anche nella gran campagna, ma rimane anche da capire che si tratta di un pack campagna e non culturale. A quando anche nelle gran campagna, però?

Positive:
  • La penisola italica è meravigliosa
  • Presa (o sviluppo) di Roma incredibilmente appagante
  • Tantissime fazioni nuove e molto ben delineate...
Negative:
  • ...Giocabili però solo nella campagna "Rise of the Republic"
  • Poche aggiunte degne di nota
Versione analizzata: Computer
Facebook Twitter Whatsapp Telegram