Pro Gamer Manager
Recensione

Scritto da il 15 maggio 2016 18:30

Pro Gamer Manager


Peccato. Peccato, sì, perché si tratta di un gioco con potenziale altissimo, ma che purtroppo o non è stato sfruttato, o è stato sfruttato malissimo. L'idea di poter gestire un videogiocatore, e attraverso quello scalare le vette, è davvero intrigante ed allo stesso modo appagante, così come quella di gestire una vera e propria squadra, con un budget predefinito, e vincere i vari tornei. Tuttavia sono modalità che all'inizio possono attrarre per minuti e minuti, ma che poi si riduce sempre alla medesima solfa. Guardare streaming, giocare ranked, dormire. Le altre cose da fare sono poche e talmente brevi da apparire quasi secondarie. La modalità manager non migliora di sicuro la cosa, dato che dopo la scelta del team (davvero interessante e ben fatta), tutto si riduce ad un "Next day" e "Sfida gli altri team". Divertente nelle prime battute, noioso dopo un bel po' di volte. E' questo il punto debole del gioco: il dover ripetere spesso le stesse cose, a causa anche delle poche interazioni che possiamo avere all'interno del gioco con altre questioni. La grafica è pulita, molto semplice, e per questo moivo anche piacevole e stuzzicante. Non abbastanza, però, da reggere le pesanti lacune a livello di gameplay.

Positive:
  • Idea innovativa e intrigante
  • Due modalità interessanti
Negative:
  • Gameplay ridottissimo
  • Estremamente ripetitivo
  • Noioso a lungo andare
Versione analizzata: Computer
5.5
Facebook Twitter Whatsapp Telegram